12.02.2007 - I LIBRETTI COLORATI DEL GOLF

Pubblicato da Golfosity .com in Letteratura » Recensioni libri

Tom Kite, Betsy Rawls, Ben Crenshaw. Sono solo tre dei grandi campioni che hanno avuto la possibilità d’avere in Harvey Penick il loro maestro; non solo di golf ma anche di vita. I suoi insegnamenti, i suoi oltre settant’anni come istruttore di golf (ho scritto giusto, sono proprio settanta), sono riportati nei tre “libretti colorati del golf”. Rosso, verde e blu per ripercorrere, raccontati dallo stesso protagonista, gli istanti salienti della vita di una vera e propria istituzione negli Stati Uniti ma non solo. Con lui, attraverso la lettura di tutto ciò che annotava in un taccuino che non dimenticava mai di portare con se, si rivive l’evoluzione del golf dai primi decenni del secolo scorso ai giorni nostri. Il passaggio dallo shaft in noce a quello in acciaio; l’avvento degli impianti d’irrigazione o delle macchine per la manutenzione e come tutto ciò abbia influenzato il gioco del golf e le metodologie d’insegnamento. Tutte cose che oggi sembrano scontate e che, grazie alla meticolosa trascrizione di tali avvenimenti, potremo rivivere. Avvenimenti di cui con un pizzico d’immaginazione potremo essere protagonisti grazie alla pazienza di un uomo che amava il golf, che ne aveva fatto il suo mestiere e che trasmetteva in maniera incondizionata la passione che era cresciuta in lui. Ci sono diversi passaggi che rimangono nella mente del lettore e talvolta il paragone con personaggi del nostro quotidiano risultano ingenerosi ma inevitabili. Harvey Penick nei suoi tre libri, oltre che di tecnica vera e propria, parla spesso di umiltà, capacità di trasmettere, di coinvolgimento con l’allievo. Nel secondo libro (quello verde) si legge: «Nel golf le vostre forze e le vostre debolezze sono sempre con voi. Se riuscirete a migliorare le vostre debolezze, migliorerete il vostro gioco. L’ironia è che le persone cercano sempre di migliorare i propri punti di forza”.
I libretti colorati del golf non sono quindi una mera elencazione di come mettere le mani per impugnare il bastone o di come prendere lo stance per tirare una palla in discesa; sono manuali per vivere il golf nella sua totalità e nel migliore dei modi. Ogni professionista di golf dovrebbe leggere quanto un grande del loro settore ha saputo mettere per scritto; ne trarrebbe di certo spunti positivi. Ogni golfista dovrebbe leggere il grande patrimonio che un grande maestro ha voluto lasciare a sempiterna memoria; non tanto per imparare a giocare a golf quanto per imparare a viverlo nella maniera corretta. DML


Galleria Fotografica

Pubblicato da Golfosity .com in Letteratura » Recensioni libri
Scrivi un articolo